Aggredisce capotreno, arrestato 43enne. E’ lo stesso dell’aggressione di Seregno

201

Lo scorso 17 gennaio, presso la Stazione di Seregno (MB), una pattuglia della Polfer di Como, in servizio a bordo treno, veniva contattata dal Capotreno in quanto questo aveva subito un aggressione da parte di un viaggiatore.
In particolare questo asseriva di aver invitato un viaggiatore ad esibire il titolo di viaggio ma, non essendone il soggetto provvisto, lo invitava a scendere dal convoglio nella successiva Stazione di Seregno (MB).
Una volta giunti nei pressi dell’uscita, il soggetto aggrediva con calci e pugni il capotreno per poi darsi immediatamente alla fuga. Gli operanti svolgevano le prime indagini, raccogliendo dalla vittima una sommaria descrizione del soggetto facendo subito intervenire i sanitari che trasportavano il capotreno in Codice Verde presso l’Ospedale di Desio (MB), da dove veniva dimesso con una prognosi di 10 giorni.
Questa mattina, un altro capotreno è stato aggredito alla stazione di Cadorna sempre dallo stesso soggetto, identificato come italiano di 43 anni con svariati precedenti per reati contro la persona e il patrimonio.
L’autore ha tentato la fuga ma la pattuglia Polfer di Milano Bovisa è immediatamente intervenuta bloccandolo. Il capotreno, una donna di 30 anni, trasportato in Ospedale è tuttora in attesa di prognosi. Accompagnato presso gli Uffici della Polizia Ferroviaria, l’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Commenti FB
Articolo precedenteRapina un negozio di dolciumi a San Giuliano Milanese, arrestato [Video]
Articolo successivoInverno anomalo fino a febbraio
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.