M4 morte operaio, proclamate 24 ore di sciopero

77

Sciopero di 24 ore in tutti i cantieri della linea 4 della metropolitana di Milano: la decisione è arrivata oggi dopo l’assemblea degli operai, voluta da Cgil, Cisl e Uil in seguito alla morte avvenuta lunedì sera di Raffaele Ielpo, 42enne caposquadra che stava lavorando nel cantiere della M4 di piazza Tirana.
La decisione – fanno sapere i sindacati – è stata presa all’unanimità: per 24 ore, dalle 22 di oggi alle 22 di domani per i prossimi tre turni, gli operai si fermeranno. “L’assemblea, blindatissima, aveva deciso la sciopero immediato, ma per motivi di sicurezza non è possibile fermare le macchine immediatamente, da qui la decisione di rinviare l’inizio dello stop a stasera”, spiegano ancora i sindacati. “Lo sciopero – spiegano Cgil Cisl e Uil in una nota – è un atto dovuto a seguito dell’evento luttuoso che ci obbliga tutti a fermarci e ad elaborare insieme le proposte per migliorare la qualità della sicurezza, non solo dela cantiere della linea 4, ma in tutto il settore edile che purtroppo continua ad essere protagonista di gravi episodi di infortunio”. Da domani alle ore 7 è convocata l’assemblea permanente al campo base di via Alfonso Gatto a Milano.

Commenti FB
Articolo precedenteSicurezza Milano, diminuiscono furti e rapine [VIDEO]
Articolo successivoCasa della Carità, abrogare i decreti sicurezza
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.