Un viaggio fotografico per documentare due mondi apparentemente
lontani fra loro, ma per tanti aspetti invece molto simili e complementari: quello delle monache di clausura e quello delle detenute. Il tutto senza alcuna morbosa curiosità e senza pregiudizi, ma anzi con grande sensibilità e attenzione. Monasteri e carceri sono dunque il focus della mostra “Un
mondo ‘dentro’ – Clausura e carcere”, a cura di Eliana Gagliardoni, inaugurata  giovedì 9 gennaio, nella Sala dell’Antico Oratorio della Passione della Basilica di Sant’Ambrogio, a Milano.
Per la realizzazione di questo progetto, che ha richiesto oltre quattro mesi di lavoro, Eliana Gagliardoni ha fotografato le monache di clausura di tre monasteri – due dell’ordine delle Benedettine e uno dell’ordine delle Carmelitane -, per la precisione il Monastero di San Benedetto di Via Bellotti, a Milano, la comunità monastica delle Benedettine dell’abbazia di Viboldone,
frazione di San Giuliano Milanese, e il Monastero di Santa Maria del Monte Carmelo di Concenedo, in provincia di Lecco. Pochissimi fotografi hanno avuto il permesso di entrare in un monastero per fotografare la clausura e, in questo senso, Eliana Gagliardoni è stata forse l’unica ad aver ottenuto questo privilegio grazie alla speciale concessione fattale dal Vicario Episcopale della Diocesi di Milano. Dopo aver ricevuto l’autorizzazione da parte del Ministero di Grazia e Giustizia di Roma, la Gagliardoni è entrata infine anche nel carcere di Bollate, all’interno del quale ha ritratto donne detenute.
Dall’accostamento inedito tra queste due realtà nasce quindi l’idea di dar vita a “Un mondo ‘dentro’”. “Al di là di alte mura e finestre con sbarre che lo sguardo non può oltrepassare – spiega Eliana Gagliardoni – esistono vite, realtà nascoste. Sono vite che incuriosiscono, talvolta insospettiscono o generano opinioni pregiudizievoli. Quante persone, come me, si sono chieste
quale sia il senso di una vita da recluse? Monache di clausura e donne detenute: l’accostamento potrebbe sembrare una forzatura, ma la possibilità di una ‘crescita interiore’, sebbene parta e progredisca in contesti diversissimi e contrapposti, si rivela una grande occasione per entrambe. Si tratta di due mondi apparentemente distinti e lontani, ma invisibilmente connessi da un potente strumento: la Preghiera. Le monache di clausura pregano, non solo per sé stesse, ma anche per chi chiede un aiuto e, in tal senso, pregano soprattutto per chi vive un regime detentivo, mantenendo spesso relazioni epistolari con uomini e donne recluse”. A Eliana Gagliardoni è stata concessa l’opportunità di conoscere tutte queste donne, di varcare le porte dei loro ‟mondi” e di condividere per qualche ora la loro esperienza. Attraverso questo
progetto, reso possibile grazie al prezioso contributo, al supporto e alla collaborazione della Caritas Ambrosiana e di Don Marco Recalcati, cappellano del carcere milanese di San Vittore, la fotografa ha potuto conoscere persone di grande levatura spirituale e persone che hanno sbagliato e stanno consapevolmente pagando per i propri errori. “Le une e le altre – conclude – mi hanno accolto con gentilezza, benevolenza e amicizia e a tutte loro, indistintamente, riservo la mia gratitudine”.

Per tutta la durata della mostra fotografica saranno in vendita sia le opere esposte sia dei cofanetti contenenti le fotografie più significative, intervallate da veline trasparenti con frasi di alto valore spirituale scritte dalle monache di clausura, che hanno partecipato e dato il loro personalissimo contributo alla realizzazione del progetto. Non manca un risvolto solidale. Al termine
dell’esposizione, infatti, il ricavato di tale vendita verrà interamente devoluto a Don Marco Recalcati in favore di detenuti della casa circondariale di San Vittore particolarmente bisognosi e delle loro famiglie che, a causa della reclusione del proprio congiunto, versano in condizioni di grave disagio e difficoltà. La mostra fotografica “Un mondo ‘dentro’” sarà visitabile fino al 19 gennaio dal lunedì al sabato, dalle ore 13.00 alle 19.00, e la domenica, dalle 10.00 alle 20.00. L’ingresso è libero. 

 

1 commento

  1. Buongiorno, mi chiamo Nicola e nella vita ho scontato circa 15 anni di carcere. Sono disponibile per poter, eventualmente, raccontare realmente la vita condotta sul pianeta carcere. Se Eliana Gagliardoni trova interesse può contattarmi al 3xxxxxxxx. Nicola Costantini

    [Ciao, ti ho modificato il commento perchè é abbastanza rischioso mettere il proprio numero di telefono su internet. Sommato ad altri tuoi dati, potrebbero essere utili a chi fosse mal'intenzionato. Se vorrai comunque pubblicarlo questo o altro contatti fallo pure aggiungendo una risposta a questo commento. Non lo editerò la prossima volta. Nella speranza di averti fatto un favore, ti ringrazio per la visita al sito e per il commento. Ciao, Jacopo]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.