A Milano arriva “Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”

817

Lunedì 3 Febbraio al Teatro Dal Verme di Milano per la prima volta arriva lo spettacolo “Emozioni. Viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti”.  Sul palco Mogol (milanese doc), autore di testi intramontabili  racconta Lucio Battisti a 20 anni dalla sua morte avvenuta il 9 settembre del 1998. Fu proprio a Milano che avvenne il primo incontro tra Mogol e Battisti e sempre a Milano i due fondarono l’etichetta discografica indipendente “Numero Uno”. Il fortunato sodalizio artistico ha prodotto brani memorabili come  “Mi ritorni in mente”, “La Collina dei Ciliegi” e “Anima Latina”,  canzoni che verranno eseguite dal vivo da un orchestra di 16 elementi.

Mogol  attraverso  un viaggio intimo e confidenziale, svelerà al pubblico tanti aneddoti e curiosità della sua vita artistica ma anche la genesi e  la storia che si nasconde dietro alle sue canzoni. Uno spettacolo che ripropone questa vera e   propria biografia musicale attraverso una performance di quasi due ore. L’interpretazione dei brani è affidata a Gianmarco Carroccia che, con la sua voce tanto simile a quella del cantautore di Poggio Bustone, non stravolge la versione originale del disco ma ne dà una cosiddetta “interpretazione perfetta”.

Commenti FB
Articolo precedenteValmalenco, bloccati al buio nella neve: salvati due sci-alpinisti
Articolo successivoSaldi, a Milano partono bene
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.