City Angels, il 6 gennaio pranzo per i clochard al Principe di Savoia

345

Come da tradizione, anche quest’anno il 6 gennaio, presso l’hotel Principe di Savoia in piazza della Repubblica si svolgerà, a mezzogiornola Befana del clochard. Grazie all’interessamento della madrina dei City Angels, Daniela Javarone. L’hotel più prestigioso di Miano ospiterà nel suo salone principale 200 senzatetto, che mangeranno i piatti cucinati per loro da Christian Garcia, chef personale del Principe Alberto di Monaco, venuto apposta dal Principato. I piatti saranno rigorosamente vegetariani, come segno di amore verso il pianeta e gli animali, e realizzati con la verdura dell’orto del Principe Alberto.I  clochard verranno serviti ai tavoli da 25 studenti delle scuole Elementari, Medie o Superiori. Con loro, a servire con la pettorina dei City Angels, anche vari personaggi istituzionali, tra cui il Viceministro Stefano Buffagni; l’europarlamentare Pierfrancesco Majorino; la Vicesindaco di Milano, Anna Scavuzzo, con gli assessori comunali Gabriele Rabaiotti e Paolo Limonta; gli assessori regionali Stefano Bolognini, Riccardo De Corato e Giulio Gallera; il Provveditore agli studi, Marco Bussetti; e il magistrato Alberto Nobili. Tra i volti noti, il gastronomo e conduttore televisivo Edoardo Raspelli; i cantautori Marco Ligabue, Ivana Spagna, Ivan Cattaneo, Oscar Giammarinaro degli Statuto, Rosmy; i conduttori Maria Teresa Ruta e Raffaello Tonon; gli attori Enrico Beruschi, Stefano Chiodaroli, Maurizio Colombi e Beppe Convertini; la grafologa Candida Livatino; il filantropo Giuseppe Guzzetti; il conduttore televisivo Claudio Brachino; il direttore di Radio Lombardia Luca Levati. Ci sarà anche il presidente onorario dei City Angels, Bruno Bella. Si inizierà con una preghiera interreligiosa, in segno di fratellanza. Con Don Gino Rigoldi, il presidente della Comunità ebraica Milo Hasbani e l’imam Khaled Elhediny.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.