“Se siamo riusciti ad essere quello che siamo lo dobbiamo alla nostra concretezza, alla nostra voglia di fare, alla nostra mancanza di paura ad affrontare i problemi nei momenti belli e anche nei momenti brutti. Continuate ad essere lombardi anche nel 2020 e sicuramente sarà un anno pieno di soddisfazioni e di gioia per tutti”. Lo dice il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana in un video messaggio pubblicato sulla sua bacheca Facebook. “E’ stato un anno importante per la nostra Regione, per la nostra attività – ricorda il governatore della Lombardia – ma il 2020 lo sarà ancora di più: abbiamo tanti progetti che stiamo realizzando e questo sarà l’anno durante il quale alcuni di questi troveranno realizzazione”. “Per questo dovremo continuare ad essere lombardi in questo 2020 – sottolinea il presidente Fontana – rivolgendo i suoi auguri di buon anno a tutti i cittadini – perché l’essere lombardi è il valore aggiunto che dà a questa grande Regione qualcosa di più rispetto al nostro Paese… Determinazione, concretezza, ottimismo verso il futuro, sono gli ingredienti ‘segreti’ che fanno del nostro territorio e delle nostre comunità più di una Regione: la Lombardia”.

Commenti FB
Articolo precedenteOltre 2500 case popolari a disposizione a Milano
Articolo successivoCome sarà l’economia nel 2020?
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.