Home News Gli auguri del sindaco Sala: “c’e’ da fare molto ed estendere ai...

Gli auguri del sindaco Sala: “c’e’ da fare molto ed estendere ai più i benefici di questo momento” [VIDEO]

Un “buon 2019”, per Milano, ma “c’e’ da fare molto ed estendere ai più i benefici di questo momento”. Così il sindaco Giuseppe Sala in un video-messaggio postato su Facebook per gli auguri ai milanesi. Il sindaco torna su alcuni temi dell’anno trascorso e le sfide di Milano per il 2020. “Su mobilità e ambiente stiamo facendo molto – spiega -, rivendico l’area B, ci sono molti più bus elettrici. E’ vero che abbiamo variato il prezzo del biglietto, ma proteggendo le fasce deboli e ci sono il 40% di abbonati in più. Certo, ad Atm chiedo di migliorare il servizio”. Altro tema che ricorda Sala, “Casa e periferia. Abbiamo promesso entro fine mandato di recuperare 3mila alloggi a fine mandato, il passaggio doveva essere 1.500 a fine anno e ci siamo. E per far vedere che ci siamo nelle periferie, libereremo uffici pregiati centrali e andremo con 2mila-2.500 nostri dipendenti tra Bovisa e Corvetto. Questo vuol dire partecipare a una diversa idea della città”. “Milano è sempre più attrattiva”, aggiunge, “tutto funziona ma bisogna avere cura anche delle micro cose, sulla cura della città e delle strade bisogna fare di più”. E accanto alla “buona gestione”, anche la politica, spiega il sindaco con due “atti profondamente politici” come la marcia dei sindaci del 10 dicembre con Liliana Segre e la presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella il 12 dicembre in consiglio comunale, per i 50 anni dalla strage di piazza Fontana. “Io vado avanti con grande determinazione e dedizione”, conclude Sala nel video.

Commenti FB
Articolo precedenteSequestrati 740 chili di botti di Capodanno a Milano
Articolo successivoBotti, 100 kg di fuochi sequestrati in viale Monza a Milano
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati
Exit mobile version