Oggi mi sono fatto un giro sul nuovo treno che entrerà in servizio per Trenord. Il primo di oltre 180 treni, acquistati da Fnm con i fondi esclusivamente di Regione Lombardia. Che ha fatto lo Stato, in tutto questo tempo? Poco o niente. Anzi, poco. Ovvero ha ceduto una decina di treni, per anticipare i tempi. Comunque, oggi ho visitato i convogli. Moderni, belli, con telecamere, tecnologia. E una parola che dovremmo usare più spesso nella politica odierna. Una parola che i periti meccanici o elettronici conoscono perfettamente: ridondanza. In pratica, se c’è un sistema per esempio di sicurezza, o nel caso dei Caravaggio anche l’aria condizionata, invece di costruirne uno, se ne mettono due. Si rompe il primo impianto? Si attiva il secondo. E così si prova a non schiantarsi o a non morire di caldo d’estate. Ecco, guardando quel treno, pensavo all’Italia. Avrebbe bisogno di ridondanza. Un leader politico si guasta? Ce ne è un altro di qualità almeno pari o superiore. Un amministratore capace diventa incapace? C’è un altro pronto a prendere il suo posto. Invece, il problema dell’Italia è sempre quello che non ha ridondanza. Non c’è alternativa a un leader, che magari si dimostra mediocre. Non c’è alternativa a un’idea, non perché quell’idea sia buona, ma perché manca una seconda idea valida. In Italia avremmo bisogno di ridondanza. Proprio come i nuovi treni che speriamo risolvano qualche problema ai pendolari.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.