Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza, denunciati

29

La guardia di finanza di Olgiate Comasco durante la normale attività di contrasto al lavoro sommerso ha riscontrato numerose violazioni. Tra i venti lavoratori in nero, le fiamme gialle hanno accertato che due di questi percepivano anche il reddito di cittadinanza.
Oltre alla “maxi-sanzione” di 13mila euro nei confronti dei datori di lavoro, i fatti sono stati segnalati all’INPS per la revoca del reddito di cittadinanza. Negli ultimi mesi le fiamme gialle hanno individuato nel’Olgiatese centinaia di dipendenti irregolari, dei quali 85 completamente in nero, tra cui un minorenne e 4 percettori di reddito di cittadinanza. Oltre il 50% dei soggetti controllati ha provveduto a sanare le irregolarità assumendo i lavoratori con contratti regolari e pagando le sanzioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.