Inserviente di McDonald’s tenta di violentare e picchia turista russa, arrestato

86

La polizia ha arrestato ieri un egiziano 37enne che la notte dello scorso 4 novembre avrebbe aggredito e picchiato una turista russa di 26 anni. La ragazza, che stava cercando di raggiungere l’appartamento in cui doveva essere ospitata per la notte, priva di connessione internet, alle 2.20 si è avvicinata al McDonald’s di via Sarpi dove, secondo la ricostruzione, l’inserviente del ristorante, a quell’ora chiuso, l’ha vista e invitata a entrare dal retro. All’interno del locale, il 37enne prima le avrebbe offerto da mangiare, poi avrebbe cercato un approccio sessuale palpeggiandola. Ne è nata una colluttazione in cui la ragazza russa ha riportato la frattura del setto nasale in seguito a un colpo ricevuto sul volto da parte dell’uomo. La 26enne, a quel punto si è diretta verso il bagno, mentre l’uomo si è fatto consegnare il telefono cellulare per impedirle di scappare. La giovane è in seguito riuscita a guadagnarsi la fuga trovando all’esterno una pattuglia di passaggio della polizia di Stato. Gli agenti hanno cercato di ricostruire i fatti, ma non hanno potuto formalizzare l’arresto dal momento che la 26enne conosceva solo poche parole in inglese. Per ricostruire l’esatta dinamica è stato necessario attendere l’arrivo di un traduttore che ha assistito la giovane, poi ripartita in aereo quello stesso pomeriggio, nel formalizzare la denuncia. Il 37enne egiziano, sposato e con figli, si trova ora a San Vittore; dovrà rispondere dei

McDonald’s Italia in una nota si dice “costernata per quanto successo nel ristorante di via Paolo Sarpi a Milano ed esprime la propria vicinanza alla ragazza vittima di questa violenza”. “Il presunto responsabile dell’aggressione, dipendente della società di pulizie che collabora con il ristorante, è stato immediatamente allontanato dal servizio – si legge nella nota – non appena il gestore del ristorante è venuto a sapere dalla Polizia quanto accaduto. McDonald’s e il licenziatario che gestisce il locale si sono resi immediatamente disponibili a collaborare con le forze dell’ordine per fornire tutte le informazioni in proprio possesso”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.