Tangenti, il gip rigetta tutte le istanze di patteggiamento

38

A sei mesi esatti dalla maxi operazione del 7 maggio scorso che aveva portato a 43 misure cautelari per un vasto sistema di tangenti, è arrivata la dura bocciatura del gip sulle prime undici istanze di patteggiamento. Non possono patteggiare a pene così basse e nemmeno possono essere concesse le attenuanti generiche – fa sapere il gip di Milano Maria Vicidomini – perché altrimenti, data la gravità dei fatti, potrebbero tornare a delinquere. Tra coloro che aveva richiesto di patteggiare anche Antonio Bilardo, ex segretario di Forza Italia a Gallarate e uno degli uomini più prossimi a Nino Caianiello, presunto burattinaio di tutto questo sistema di mazzette, finanziamenti illeciti e appalti pilotati. Come il resto degli indagati, anche Caianiello punterebbe al patteggiamento, tuttavia non rientrava nell’elenco per i quali era fissata l’udienza poiché starebbe ancora collaborando con i magistrati. Ora per gli undici indagati la Procura dovrà chiudere le indagini, chiedere il rinvio a giudizio e solo allora le difese potranno nuovamente domandare il patteggiamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.