Chiude il tratto montano della statale dello Stelvio

123

Anas ha programmato per domani alle ore 17 la chiusura al traffico del tratto montano della strada statale 38 “dello Stelvio”, in vista della stagione invernale. A causa delle precipitazioni che negli scorsi giorni hanno interessato l’arco alpino, i rispettivi Gestori hanno già interdetto al traffico il versante trentino del Passo dello Stelvio e il Passo dell’Umbrail “Giogo di Santa Maria”, in Svizzera.  Come ogni anno, la statale 38 sarà chiusa al transito sul versante lombardo a partire dal km 106,500, a Bagni Vecchi, nel comune di Bormio (SO), fino al km 124,304, confine con il Trentino-Alto Adige. Nel corso dei prossimi giorni le squadre Anas eseguiranno gli interventi finalizzati a mitigare i danni che le valanghe potrebbero arrecare durante l’inverno agli elementi della sede stradale.  In particolare saranno abbassate le barriere paramassi e saranno smontate le protezioni laterali e gli elementi di segnaletica verticale. Il materiale verrà quindi stoccato in deposito fino al prossimo anno. Interessata dalla chiusura anche la statale 38dir/B “dello Stelvio” tra il km 0 – innesto con la statale 38 – e il km 0,200, Passo dell’Umbrail “Giogo di Santa Maria”. Il provvedimento resterà in vigore durante l’intera stagione invernale fino alla riapertura, prevista per la primavera 2020.

Commenti FB
Articolo precedenteMunicipio 5: dedicare giardino a tassista ucciso nel 2010
Articolo successivoMonza, spruzza per sbaglio spray al peperoncino a scuola
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati