Tifoso ucciso, investitore si proclama innocente

29

“Guidavo io quell’auto ma non l’ho investito io, non sono tifoso del Napoli, mi piace l’Inter, mi sono anche tesserato il 21 dicembre”. Con queste parole si è difeso davanti al gip di Milano Fabio Manduca, l’ultrà napoletano arrestato per aver investito e ucciso Daniele Belardinelli durante gli scontri del 26 dicembre scorso. Inizialmente Manduca aveva detto di non voler rispondere, poi, ha cercato di difendersi. Intercettato il 6 aprile, ad un amico diceva “quale omicidio, quello si è lanciato lui davanti alla macchina”. Per il gip di Milano Guido Salvini dall’intercettazione “emerge con chiarezza la consapevolezza dell’incidente”.
A carico dell’ultrà ci sono le “ammaccature” della sua auto e la ricostruzione della guerriglia da parte della Digos.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.