Home News Palalido, posizionate le recinzioni contro sosta selvaggia

Palalido, posizionate le recinzioni contro sosta selvaggia

Via Salmoirgahi foto Enrico Fedrighini.

In via Salmoiraghi, nei pressi del Palalido, sono state posizionate le recinzioni alte 50 centimetri per impedire la sosta selvaggia durante gli eventi che si tengono nella rinnovata struttura sportiva cittadina. Lo rende noto l’assessore municipale Giulia Pelucchi che, assieme ai suoi colleghi assessori e al presidente Simone Zambelli, avevano chiesto al Comune la sistemazione dell’area dopo le proteste dei residenti.

Silla vicenda stamane il consigliere Enrico Fedrighini pubblica una foto e commenta: “Rispettato un impegno preso dall’Area Verde del Municipio 8 con gli abitanti del QT8: il consorzio MIAMi ha messo a dimora un sistema anti-intrusione per impedire la sosta abusiva sul verde del parterre alberato di via Salmoiraghi in occasione di eventi a Palalido, Ippodromo o stadio.
La tutela dello spazio pubblico e la riduzione del traffico (in una zona servita da mezzi di superficie e ben 2 linee metropolitane) nasce anche da interventi a basso costo e ad elevata resa. Un grazie a tutti i cittadini e, in modo particolare, a quelli del Comitato Abitanti e Amici di QT8 e Lampugnano che da anni propongono – e ottengono – interventi utili per il bene comune.”

Commenti FB
Articolo precedenteFrena la produzione industriale in Lombardia
Articolo successivoMuore folgorato nel cremonese
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version