Raffaella Curiel, Rosalina Neri, il regista Filippo Crivelli, il direttore del Piccolo teatro di Milano Sergio Escobar e il sindaco di Milano Giuseppe Sala sono solo alcuni fra i nomi che hanno portato un saluto all’attrice Valentina Cortese (scomparsa ieri a 96 anni)  presso la camera ardente allestita al Piccolo Teatro,  camera ardente, decorata da grandi corone di rose bianche e dagli omaggi della Regione e del Comune. “Ho quarant’anni di ricordi, fatti di lavori assieme, spettacoli visti, condivisioni di affetti e telefonate di lavoro – la ricorda Escobar – Una volta le dissi: ‘Possiamo proiettare il tuo cammeo nel film di Truffaut’, ma lei era contraria, mi aveva risposto che la faceva passare per stupida. Lo abbiamo proiettato lo stesso e il giorno dopo lei mi chiamò per dirmi che quella rappresentazione in realtà era un atto d’amore del regista francese”.
Anche per Crivelli individuare un singolo ricordo della Cortese è difficile: “Ho un ricordo di vita, vedevo i suoi film da quando ero bambino e l’ho conosciuta negli anni ’60 – commenta il regista -, siamo diventati amici e abbiamo lavorato insieme a spettacoli e canzoni. Abbiamo fatto anche due spettacoli nel milanese. L’ultimo è stato un recital dedicato a lei con Enrico Boito al teatro di Verdura in via Senato dal titolo ‘Dolce creatura crudele’, una sequenza di lettere d’amore, gelosia e disperazione scritte da lei come Eleonora Duse. È stata l’ultima cosa che ha fatto prima di ritirarsi”. Crivelli non condivide la definizione che le ha attribuito la stampa, di grande diva: “L’ho vista molto spesso in pantofole e anche in mutande ma nel giro di un batter d’occhio diventava una diva straordinaria per il fascino interiore che trasmetteva”‘. La stilista Raffaella Curiel la riassume con poche parole: “Una donna indescrivibile, un angelo”. “A volte icona è un termine un po’ abusato, ma nel caso di Valentina Cortese, si tratta certamente di un’icona”. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala. “La sua è stata una vita incredibile: è passata da essere allevata in terra di contadini a Hollywood – ha continuato il primo cittadino -, Cortese è stata tante cose assieme, credo che il ricordo che porterà Milano di lei sarà indelebile”.

Scarica la App

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.