“È durata 4 giorni la panchina in memoria delle donne morte e torturate a Ravensbrück, qualcuno ha ritenuto di doverla cancellare nuovamente. La panchina era stata ridipinta sabato scorso alla presenza di #Anpi #Aned, diversi consiglieri comunali e tantissima gente.” Lo denuncia l’associazione Elica Rossa che nell’ultimo fine settimana si era fatta promotrice del ripristino della panchina istallata a fianco del Museo della Memoria di via Confalonieri, al quartiere Isola, danneggiata da ignoti nelle scorse settimane. “Eravamo già convinti che non si fosse trattato di una goliardata alla prima vandalizzazione, ora ne abbiamo la certezza. – prosegue la nota dell’associazione – Il clima politico culturale attuale, che ha sdoganato il fascismo, che sta ‘valorizzando’ l’intolleranza e il razzismo, unito all’evidente misogenia dell’attuale governo, autorizza questi comportamenti e induce ad agiti aggressivi su un simbolo contro la violenza di genere, del passato e del presente. Penseremo come affrontare questa nuova ferita inferta al ricordo delle donne uccise ad Ravensbrück, non siamo soliti reagire alle provocazioni, ma ad agire con intento costruttivo, produttivo e ponderato. Il messaggio di spregio è chiaro ed intuibile da chiunque abbia un minimo di capacità intellettiva, l’azione di brutalizzazione della panchina è in sé un monito. Forse ancor più chiaro della panchina stessa.”

Scarica la App

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.