Metalmeccanici in piazza, il governo cambi linea

47

Corteo   dei metalmeccanici a Milano; partito da Porta Venezia è giunto in piazza Duomo. Ad aprire la manifestazione di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil lo striscione ‘Futuro per l’industria’ . Presenti  il segretario della Fim Marco Bentivogli, la ex segretario Cgil Susanna Camusso e il segretario della Cgil (ed ex leader delle tute blu della Fiom) Maurizio Landini.

“C’è bisogno di nuovi investimenti e di una politica industriale degna di questo nome. “Se il governo non cambia, andiamo avanti –  afferma Maurizio Landini -. La gente vuole dei risultati. La notizia che abbiamo è che le fabbriche si sono svuotate, l’adesione molto forte vuol dire che c’è una domanda vera di cambiamento in questo paese e cambiare vuol dire cambiare le politiche economiche e sociali, vuol dire ridurre il fisco per i lavoratori, vuol dire investire per creare lavoro, vuol dire basta precarietà, vuol dire aumentare i salari e combattere le diseguaglianze”. ” Il primo punto è rispettare gli accordi che sono stati siglati, soprattutto se sono stati siglati davanti al ministero, e quindi c’è anche un problema del ruolo del governo, ma soprattutto c’è un problema di politica industriale seria, il governo e il paese devono farsi rispettare, anche dalle multinazionali”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.