Seregno, gaffe sulla foto dei magistrati uccisi

1929

Sostituiscono la stele di Falcone e Borsellino rigata dai vandali ma sbagliano ad abbinare i nomi con il volto del magistrato corrispondente. Una figuraccia proprio nel giorno della commemorazione dell’attentato a Giovanni Falcone. E’ successo ieri al Parco Falcone e Borsellino di Seregno (MB). Era stato il sindaco Alberto Rossi a dare disposizione per sostituire la stele sfregiata con una nuova. Scoperta la foto, davanti a una scolaresca e alle autorità cittadine, i consiglieri di minoranza si sono subito accorti dell’errore. Dura la presa di posizione di Tiziano Mariani (NoiXSeregno) che ha dichiarato: “La mia impressione è che il sindaco non conosca la storia e le persone che l’hanno fatta. In certi ruoli l’improvvisazione non è consentita”. Attacca anche Edoardo Trezzi (Lega): “Quello di ieri è un ulteriore sfregio, ma decisamente più grave, perché si tratta di una istituzione che non sa riconoscere i fedeli servitori dello Stato e i simboli della lotta contro le mafie”. Trezzi aggiunge che quando hanno fatto notare al sindaco che la stele era sbagliata, lui si è infilato in macchina e se ne è andato. Le opposizioni chiedono che l’amministrazione rimedi il prima possibile sostituendo la foto dei due magistrati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.