Siri e il palazzo di Bresso acquistato con soldi da S. Marino, nuove ombre sul sottosegretario

152

Una nuova ombra su Armando Siri, il sottosegretario leghista indagato dalla Procura di Roma per una presunta tangente nel settore dell’eolico. La trasmissione di Rai3 Report infatti ha scoperto – come mostrerà nella puntata che andrà in onda questa sera – che tre mesi fa Siri ha messo a disposizione della figlia 585 mila euro per comprare una palazzina Bresso, nel Milanese, e il notaio che ha stipulato l’atto ha fatto una segnalazione per operazione sospetta. Questo nonostante Siri abbia dichiarato nel 2017 un reddito di 25 mila euro. I soldi sono transitati per una banca di San Marino, che ha acceso un mutuo, e la figlia, dopo aver comprato, ha firmato una procura al padre, forse per vendere. L’agente che ha organizzato la vendita è Policarpo Perini, ex candidato sindaco a Bresso con il Partito Nuova Italia, fondato da Siri, e padre del capo segreteria del sottosegretario leghista. A questo punto il notaio milanese Paolo De Martinis ha inviato la segnalazione per sospetto riciclaggio alla Banca d’Italia, segnalazione che passa in automatico alla Guardia di Finanza. Siri replica che è tutto assolutamente regolare e annuncia querele. La trasmissione di Rai 3 Report risponde che se il senatore Siri vuole fare chiarezza può accettare l’invito a rilasciare un’intervista. La Procura di Milano non ha ancora aperto formalmente un’inchiesta ma sul tavolo del Procuratore capo Francesco Greco – riferiscono le agenzie – ci sarebbe un rapporto della Guardia di Finaza con le risultanze dell’inchiesta giornalistica di Report.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.