Svizzera, la Lega dei Ticinesi chiede una tassa sui frontalieri

81

A venti giorni dalle elezioni cantonali, la Lega dei Ticinesi lancia una delle sue tipiche provocazioni: una tassa sullo stipendio dei frontalieri italiani pari all’1% del salario lordo. L’iniziativa riguarderebbe tutti i lavoratori con permesso G ovvero quelli che lavorano in Svizzera mantenendo la residenza in Italia. L’obiettivo dichiarato è quello di creare un fondo perequativo per finanziare programmi di inserimento lavorativo per giovani residenti e per disoccupati oltre i 50 anni. A dare notizia della proposta di iniziativa parlamentare – come riferisce il quotidiano La Provincia di Como – è stato Boris Bignasca, esponente di punta della Lega dei Ticinesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.