Fadil, test parziali confermerebbero la radioattività nel corpo della modella

91

Gli esiti parziali di un test eseguito in un centro specializzato avrebbero confermato, come è gia emerso, la presenza di radioattività sul corpo di Imane Fadil, la testimone chiave delle inchieste sul caso Ruby, morta lo scorso primo marzo. I pm milanesi che indagano per omicidio volontario sulla misteriosa morte della ragazza stanno ascoltando in questi giorni molti testimoni tra medici, infermieri, il personale e il direttore della clinica Humanitas di Rozzano dove Dadil è morta . Da chiarire anche le versioni discordanti tra Procura e ospedale sui tempi di comunicazione del decesso. I magistrati stanno sentendo anche parenti amici e e alcune delle ragazze che sono state ospiti ad Arcore e personaggi che la giovane ha citato nei suo verbali, già convocati in aula durante i processi con al centro le feste nella residenza di Silvio Berlusconi .Nei prossimi giorni dovrebbe essere effettuata l’autopsia sil corpo della modella. Fadil è morta dopo un mese di agonia in seguito ad una grave patologia del midollo osseo e un decadimento progressivo degli organi, sintomi che fanno ipotizzare un avvelenamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.