Poco prima delle 7 di questa mattina in stazione Centrale a Milano un uomo armato di coltello ha causato il panico lungo la galleria delle carrozze riuscendo a ferire due persone prima di essere bloccato dalla vigilanza.
L’aggressore, un libico di 24 anni senza fissa dimora, era stato notato da due dipendenti del locale “Panino Giusto”. Quando le due donne sono andate a cambiarsi nello spogliatoio per iniziare il turno di lavoro, lui si è intrufolato rovistando nei cassetti e portando via un coltello da cucina poi nascosto in una fioriera nelle vicinanze. Quando le due dipendenti se ne sono accorte, grazie all’aiuto di un uomo della vigilanza, sono riuscite ad allontanarlo.

A quel punto, il libico ha recuperato il coltello e si è diretto verso la galleria delle carrozze. Lì ha prima aggredito un cittadino del Gambia, di 20 anni, che stava prelevando a un bancomat automatico colpendolo con un fendente al braccio. Poi ha aggredito altri passanti tra cui un cittadino della Costa d’Avorio, di 31 anni, che ha cercato di proteggersi con le mani dai fendenti diretti all’addome. Al ferito è stata diagnosticata una prognosi di 50 giorni. L’aggressore è stato bloccato da uomini della vigilanza privata e poi dai carabinieri. Dopo essere stato trasportato anche lui in ospedale per un leggero malore, è stato arrestato con diversi capi d’accusa tra cui lesioni aggravate e continuate.

Scarica la App

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.