“Questa giornata è fondamentale per continuare a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del Numero Unico europeo 112 e spingere i cittadini a utilizzare
il servizio, in caso di necessità, con una frequenza maggiore di quanto accada oggi. Perché una telefonata può salvare una vita”. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana durante la visita alla Centrale Unica di Risposta dell’112, questa mattina, a Milano, in occasione della Giornata europea del Numero Unico 112.

“Sono molto orgoglioso – ha spiegato il presidente – che questo servizio, partito da Varese, abbia raggiunto livelli di eccellenza, tanto da essere esportato già in 8 regioni, in cui è già attivo, e in altre 6, in cui lo sta per essere”. “I dubbi iniziali sull’efficacia del Numero Unico – ha proseguito – sono stati sciolti dai risultati performanti ottenuti sia per i tempi di risposta che per la riduzione del 50 per cento delle chiamate inappropriate”. “Ricordo – ha concluso Fontana – che, oltre al numero telefonico, esiste anche l‘app ‘112 Where ARE U’, che consente di essere soccorsi in tempi rapidi grazie alla geolocalizzazione. Invito tutti a scaricarla”.

Commenti FB
Articolo precedenteE’ il milanese Gabriele Micalizzi il fotografo ferito in Siria
Articolo successivoTentata violenza sessuale, arrestato 24enne marocchino
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.