Desirée, chiesta la revisione del processo

18

Giovanni Erra, condannato in via definitiva a 30 anni per l’omicidio di Desirée Piovanelli, la 14enne uccisa a Leno, nel Bresciano, nel 2002, chiede la revisione del processo sulla base di «nuove prove». Anche il padre della ragazzina, Maurizio, ha chiesto di riaprire le indagini: «Erra vorrà fare i nomi che ha tenuto nascosti e che probabilmente sono gli stessi che noi abbiamo fatto mesi fa in Procura a Brescia» ha detto. Dietro l’uccisione della figlia, a suo dire, ci sarebbe “un qualcosa di molto più grande e che va oltre il tentativo di stupro, con dei mandanti che sono ancora in giro” e facendo riferimento ad un’organizzazione di pedofili.

 

Scarica la App

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.