Sala, il mio impegno del 2019 per le periferie e gli ultimi

44

“Il 2019 io personalmente intendo dedicarlo a quella parte di Milano che fa più fatica”. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala durante il tradizionale scambio di auguri con la stampa a Palazzo Marino, occasione quest’anno per il sindaco per tracciare anche un bilancio di metà mandato (che ‘festeggerà’ domani). Sala si è detto “fiero” delle classifiche che vedono Milano in testa come quella sulla qualità della vita recentemente stilata dal Sole 24 Ore, “ma – ha aggiunto – la speranza per il 2019 è fare ancora di più per occuparmi degli ultimi e dei penultimi”. Per Sala infatti il lavoro avviato nella prima parte del mandato su capitoli come infrastrutture, rilancio internazionale e reputazione della città ora che è stato ben avviato può essere proseguito più dagli uffici. Mentre, ha sottolineato “nel 2019 io voglio dedicarmi di più alla Milano che fa più fatica” perché se è vero che “la città sta vivendo un momento splendido, non è però un momento splendido per tutti”. Anche per questo tra gli obiettivi della seconda parte del mandato Sala ha indicato il Piano quartieri, sul quale “andranno raccolte” le basi poste finora. “Continuo a pensare che sia il fronte più importante”, ha detto “e possiamo portare a casa quel tanto che c’è in quel Piano”. Tra i progetti immimenti poi quello con la Curia. “L’idea dell’arcivescovo per un ‘sinodo laico’ mi trova totalmente d’accordo – ha ribadito oggi il sindaco – vedrò l’arcivescovo nei prossimi giorni”. “Milano – ha sottolineato Sala – ha un arcivescovo che appare poco, ma preciso nelle sue idee, nel solco ‘martiniano’: un alleato importante per il 2019”.
MiaNews

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.