Si è chiuso oggi il CAS (Centro di Accoglienza Straordinario) di via Corelli destinato a diventare CPR (Centro di permanenza per il rimpatrio). Lo fa sapere la Prefettura di Milano in una nota: la chiusura è avvenuta in un contesto di progressiva riduzione dei numeri dell’accoglienza iniziata nell’estate del 2017. Il 31 luglio 2017 erano infatti  presenti nei CAS del territorio metropolitano 6.425 ospiti, di cui 4.632 in Milano. Oggi sono 3.957 nel territorio metropolitano di cui 2.460  nel capoluogo.

La redistribuzione degli ospiti di via Corelli ha tenuto conto  dei percorsi individuali di integrazione avviati sul territorio. Su un totale di 358 ospiti, 134 hanno trovato accoglienza nei CAS del territorio metropolitano (di cui 49 a Milano), 159 nelle altre province lombarde, 65 fuori regione. Tutti sono stati inseriti nei posti disponibili in strutture già attive.Le operazioni di trasferimento si sono sviluppate nell’arco di un mese in un clima di  piena collaborazione.

Commenti FB
Articolo precedenteAncora nessuna traccia del giovane sparito in Valmalenco
Articolo successivoNatale, Sala: “Con le casette di legno, l’atmosfera in città si fa più suggestiva”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.