Ampliare la produzione di cannabis terapeutica in considerazione della crescente domanda. E’ l’obiettivo della mozione illustrata da Michele Usuelli (+ Europa), approvata all’unanimità, che chiede alla Giunta di “identificare nuovi soggetti idonei a garantire la produzione indoor” aumentando così il numero degli istituti autorizzati in aggiunta allo Stabilimento Chimico Farmaceutico di Firenze.

In un emendamento proposto dal Presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti (Lega) viene proposto il Policlinico di Milano come sede di un progetto pilota per la produzione.

Il documento chiede inoltre di prevedere e organizzare iniziative per la formazione dei medici, di monitorare il reale fabbisogno di cannabis ad uso terapeutico pubblicando annualmente i dati sul numero dei pazienti in cura e le quantità dei farmaci somministrati.

Infine, si chiede, recependo una modifica proposta da Carmela Rozza (PD), la formazione di un tavolo di lavoro tra Comune di Milano, Regione Lombardia, Ministero della salute e Università per promuovere un progetto pilota con l’obiettivo di creare un polo di ricerca e produzione.

Oggi abbiamo mandato  un segnale forte a livello nazionale e  ci siamo comportati davvero da terza Camera dello Stato, quale siamo. “ ha commentato Usuelli.

Commenti FB
Articolo precedenteMilano, presentato il calendario dei Ghisa
Articolo successivoDal 6 al 9 dicembre gli Oh Bej Oh Bej al Castello Sforzesco
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.