La partecipazione politica dei giovani in Europa è un aspetto fondamentale per il futuro dell’Unione Europea ed è in questo scenario che nasce ‘Youth for Europe’, uno dei 14 progetti finanziati dalla Commissione Europea in risposta al bando European Youth Together del Programma Erasmus+.

Il progetto, coordinato dall’Associazione milanese Joint, si rivolge a giovani tra i 18 e i 25 anni che non siano già politicamente impegnati, coinvolti anche grazie alla collaborazione attiva del Comune di Milano, con l’obiettivo di avvicinarli alle Istituzioni Europee e ai processi politici, dando loro l’opportunità di diventare parte integrante del percorso decisionale europeo, per stimolare una politica europea più inclusiva, capace di ascoltare i propri giovani e le loro necessità.

“Un progetto nato per costruire politiche giovanili europee con l’apporto di tutti e di ciascuno e per dialogare sempre più e sempre meglio con i cittadini più giovani – dichiara la vicesindaco con delega alle Politiche giovanili Anna Scavuzzo –, così che diventino protagonisti e non più solo spettatori. Il Comune ha voluto accompagnare questo percorso di partecipazione e impegno civico proprio perché possa raggiungere il numero più alto possibile di ragazzi e ragazze: abbiamo bisogno di arrivare a chi oggi è lontano dalle politiche cittadine, nazionali ed europee, perché la democrazia si costruisce in tanti e con una prospettiva di lungo periodo”.

Sono oltre duecento i ragazzi e le ragazze coinvolti dal progetto, provenienti da Italia, Spagna, Germania, Regno Unito, Romania e Ungheria, e che saranno chiamati a elaborare proposte per migliorare le politiche europee attraverso 6 scambi internazionali, di cui 2 a Milano. Ognuno di questi scambi verterà su un tema diverso: dal cibo biologico alla democrazia, da diritti umani e migrazioni a privacy e proprietà intellettuale, fino alla formazione dei giovani.

I partecipanti conosceranno da vicino e potranno così promuovere le politiche europee, svilupperanno competenze trasversali e parteciperanno ad attività formative non formali in un contesto internazionale. Le proposte che ne scaturiranno saranno poi raccolte all’interno della piattaforma youthforeurope.eu e votate a livello europeo. Le più popolari verranno presentate ai decisori politici e istituzionali nell’incontro di larga scala che si terrà a Milano nel maggio 2020, a cui parteciperanno più di cento giovani da tutta Europa. Il progetto si concluderà poi a Bruxelles, dove le proposte votate dal maggior numero di Parlamentari Europei saranno presentate in Parlamento da una delegazione di giovani.

Commenti FB
Articolo precedente“New York City Life”, il video di Dave Muldoon (Video)
Articolo successivoGallera: elisoccorso neonatale in tutta la Lombardia
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.