Morti sul lavoro, presidio alla Diesse Rubber Hoses di FIlago (Bg)

830
dav

Tantissimi lavoratori – il 90% dell’organico – hanno scelto di scioperare, oggi, per chiedere più sicurezza alla Diesse Rubber Hoses Spa di Filago, azienda dove il 5 novembre scorso un elettricista di 38 anni, Matteo Regazzi, era rimasto coinvolto in un gravissimo infortunio che ha provocato, qualche giorno dopo, la sua morte.

Lo sciopero, ancora in corso, è di otto ore su tutti e tre i turni: è iniziato alle 6 di questa mattina e terminerà alla stessa ora di domani. Oggi, dalle 10 alle 11.30, i lavoratori si sono riuniti anche in un presidio davanti ai cancelli dell’azienda. Su invito dei sindacati, erano presenti anche i rappresentanti RSU di alcune aziende della zona: Flamma spa di Chignolo d’Isola, Aliancys Italia s.r.l e Covestro srl, entrambe di Filago, oltre a funzionari di altre categorie sindacali provinciali.

“C’è stata una grande partecipazione alla protesta di oggi, giornata anche dei funerali del giovane elettricista. Dopo aver preso parte al presidio, molti lavoratori hanno partecipato alle esequie” hanno detto Eleonora Lavelli della FILCTEM-CGIL e Cristian Verdi di FEMCA-CISL di Bergamo. “Per la prossima settimana, il 4 dicembre (dalle 13.30 alle 14.30) è stata convocata una nuova assemblea dei lavoratori per decidere quale percorso intraprendere rispetto alla sicurezza loro personale e, più in generale, nell’ambiente di lavoro in Diesse Rubber. E proprio riguardo all’azienda, non abbiamo più avuto contatti dopo la morte di Matteo: nessuno si è visto mentre eravamo riuniti in presidio e nessuno della proprietà si è fatto sentire telefonicamente”.

La vittima era dipendente della Elettrobonatese srl ma si trovava al lavoro all’interno della Diesse Rubber. Il 5 novembre era stato investito da una bobina caduta da un carrello elevatore. Matteo è stato il diciottesimo lavoratore a perdere la vita dall’inizio dell’anno in provincia di Bergamo (o oltre i confini provinciali ma alle dipendenze di aziende bergamasche / comprese le vittime decedute in itinere).

Commenti FB
Articolo precedenteAutonomia, Galli: entro un mese passaggio in Cdm
Articolo successivoMilano-Meda, 200mila euro per monitorare i ponti
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.