Il Tribunale civile di Milano ha ordinato all’Ufficiale di Stato civile del Comune di Milano di rettificare l’atto di nascita di una bambina, nata negli Stati Uniti con la fecondazione assistita e la maternità surrogata, e di indicare entrambi i padri, due uomini italiani, come genitori, e non solo quello biologico. Riconoscere “alla minore” due “genitori dello stesso stesso” non viola “alcun principio fondamentale”, anzi è “superiore interesse della minore” garantirle i “diritti alla bigenitorialità”, scrivono i giudici. L’ottava sezione civile ha accolto il ricorso degli avvocati  di Rete Lenford – Associazione Avvocatura per i diritti Lgbt. Il Comune di Milano, invece, spiega l’associazione, “aveva rifiutato di rettificare l’atto di nascita italiano e di aggiungere il secondo genitore”.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.