Esplosione in via Brioschi, 30 anni in appello a Pellicanò

134

Giuseppe Pellicanò, il pubblicitario accusato di strage e devastazione per aver causato un’esplosione nel suo appartamento in una palazzo di via Brioschi  a Milano, è stato condannato in appello a 30 anni di carcere. In primo grado era stato condannato all’ergastolo. Nell’esplosione, avvenuta nel giugno 2016, morirono la sua ex compagna Micaela Masella e una coppia di giovani vicini di casa marchigiani, Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi, e rimasero ferite gravemente le sue due bimbe.  Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.