Home Senza categoria C’era una volta la faziosità.

C’era una volta la faziosità.

Pinocchio a cura di Fabio Massa
Pinocchio a cura di Fabio Massa

Non c’è niente che riesco ad accostare di più alla stupidità che l’incapacità di capire che ogni singola cosa deve essere valutata di per sè e nel quadro che rappresenta. E non alla luce di una singola ideologia. Piccolo esempio pratico: l’altra mattina pubblichiamo un video francamente molto forte, su Affaritaliani.it Milano, nel quale si vede un extracomunitario nudo che aggredisce un barista milanese che stava portando in giro il cane in parchetto vicino all’Università Cattolica.La fidanzata urla. Tutto questo non in una qualche periferia degradata, che già sarebbe da conda Guardiamo i fatti: un uomo nudo aggredisce un altro uomo. Una guardia giurata invece di intervenire se la svigna. nnare, ma in centro a Milano, dove girano gli studenti. Reazioni? Di due tipi. La prima: “grazie porti aperti”. Perché l’uomo è di colore, e quindi è colpa del Pd e viva Salvini. La seconda: “Che cosa c’entra sta roba con Milano?”. E ancora: “Perché hai usato nel titolo la parola extracomunitario?”. E ancora: “Non è una cosa tanto strana, è solo l’ennesimo pazzo”. Quindi, sottinteso: sei un fascista razzista ista ista perché hai messo nel titolo una informazione in più: che quest’uomo è straniero. Come se io fossi razzista perché ho deciso di applicare una semplice regola del giornalismo, ovvero che nel titolo si mettono più informazioni possibili. Il problema, qui, è che la cronaca viene piegata al vantaggio politico. E non dovrebbe essere così. La cronaca è cronaca. C’è un caso di insicurezza in città? Bisogna parlarne e risolverlo. C’è la Darsena che è ridotta a un immondezzaio? Bisogna dirlo. E se per questo ti danno del pericoloso fascista, o del pericoloso comunista, amen. Basta fare il giornalista, sempre con la ista. Il resto non conta.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version