È stato un sequestro in contanti da record quello effettuato dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Milano. In un appartamento in Duomo sono stati trovati più di un milione e mezzo di euro in banconote custodite in sacchi della spesa, borsoni, cartellette, portadocumenti e sacche di tela, più un altro mezzo milione scoperto in alcune cassette di sicurezza in diverse banche di Milano. La scoperta sarebbe avvenuta quasi per caso; le indagini erano state avviate in seguito al fallimento della società “Rico”, proprietaria di un locale in via Agnello, fallimento per cui l’amministratore Michele Antonino Chiovetta era stato posto agli arresti domiciliari. Nel corso delle operazioni i militari hanno pensato che parte del patrimonio dissipato da Chiovetta potesse essere stato nascosto da altre persone per conto suo. Una serie di perquisizioni hanno portato alla scoperta dei contanti nell’appartamento di Maria Giuseppina Tocci, 52enne titolare del “Pina Restaurant Cafè”, locale in Piazza Duomo situato sotto l’abitazione. In seguito alla scoperta Chiovetta è stato trasferito a San Vittore e la Tocci è stata accusata di riciclaggio.

Commenti FB