Questa mattina a San Giacomo Filippo (Sondrio) sara’ inaugurato il tracciato alternativo alla strada statale 36 che garantira’ il collegamento ai Comuni di Campodolcino, Madesimo e San Giacomo Filippo. Al taglio del nastro saranno presenti per Regione Lombardia l’assessore agli Enti locali, montagna e piccoli comuni Massimo Sertori e l’assessore al Territorio e Protezione Civile Pietro Foroni. Il bypass e’ stato realizzato con tempistiche da record grazie alla sinergia tra Regione Lombardia, Anas S.p.A, Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, la Comunita’ Montana ed i Sindaci dei comuni interessati.

All’inaugurazione cui hanno partecipato gli assessori regionali Massimo Sertori (Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni) e Pietro Foroni (Territorio e Protezione Civile)
erano presenti anche, tra gli altri, il sottosegretario di Stato alle Infrastrutture e Trasporti, Edoardo Rixi, il coordinatore Anas per il Nord Ovest, Dino Vurro, il prefetto di Sondrio, Giuseppe Mario Calia, il presidente della provincia, Luca Della Bitta, diversi sindaci della zona, il presidente della Comunita’ Montana della Valchiavenna, Severino De Stefani e il capo Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli.

Commenti FB
Articolo precedenteBody Cam, De Corato in visita a Brugherio
Articolo successivoGOTTHARD: imperdibile concerto acustico a Bellinzona il 29 Luglio
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati