Il Comitato permanente antifascista contro il terrorismo, per la difesa dell’ordine repubblicano, ha definito il programma delle Celebrazioni del 73° anniversario della Liberazione e ha rilanciato l’appello: “Mai più fascismi. Mai più razzismi. Cambiare il Paese nel solco dell’antifascismo e della Costituzione” (in allegato), che potrà essere firmato nei molti banchetti lungo il corteo.

Quest’anno le celebrazioni della Liberazione dal nazifascismo vedranno migliaia di persone provenienti da tutta Italia a Milano, per partecipare alla manifestazione nazionale che si caratterizzerà, oltre che sui temi della memoria della lotta di Resistenza e di chi ne fu protagonista, sulla difesa della democrazia e della Costituzione Repubblicana, con un’attenzione particolare al clima di violenza che sta caratterizzando, nel nostro paese e in tutta Europa, il riemergere di formazioni e gruppi portatori di odio e di ideologie razziste, xenofobe, antisemite e fasciste.

Il corteo muoverà da Porta Venezia (appuntamento alle 14,00) e si concluderà in Piazza Duomo, dove intorno alle 15,30 interverranno: La senatrice Liliana Segre che parteciperà con un’intervista su maxischermo; Giuseppe Sala, sindaco di Milano; Susanna Camusso, segretario generale CGIL; Don Luigi Ciotti, presidente di Libera; Carla Nespolo, presidente nazionale ANPI. Introduce e coordina Roberto Cenati – Presidente Comitato permanente Antifascista.

Commenti FB
Articolo precedenteA Malpensa Icaro e il mito del volo
Articolo successivoBRUCE DICKINSON: in arrivo “Scream For Me Sarajevo”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.