Un’intera città connessa attraverso il digitale, con oltre 400 appuntamenti diffusi sul territorio e rivolti a tutti i cittadini: è questo lo spirito con cui prende avvio, dal 15 al 18 marzo, la prima edizione della Milano Digital Week. Un’iniziativa promossa dal Comune di Milano in collaborazione con il Team per la Trasformazione Digitale e realizzata da Cariplo Factory, IAB e Hublab.

Quattro giorni a “porte aperte”, dedicati alla produzione e diffusione di conoscenza e innovazione attraverso il digitale con un approccio inclusivo, trasversale e partecipativo. Professionisti, addetti ai lavori, cittadini, curiosi e appassionati di tutte le età avranno la possibilità di scoprire i tanti volti della Milano digitale riuniti per la prima volta in un unico palinsesto di mostre, dibattiti, seminari, performance, spettacoli, workshop, corsi di formazione e laboratori.

“Siamo pronti a partire con questa sfida – dichiara Roberta Cocco, assessore alla Trasformazione digitale e Servizi civici -. Ci eravamo posti l’obiettivo di offrire alla città 100 eventi ma siamo addirittura riusciti a quadruplicare l’offerta. Ora ci aspettano quattro giorni intensi in cui Amministrazione, partner dell’iniziativa, aziende, centri di ricerca e università mostreranno il cuore digitale di Milano, che batte forte e alimenta il tessuto economico e sociale della città. Il Comune di Milano racconterà i tanti progetti di digitalizzazione che coinvolgono tutti gli assessorati, le attività di educazione digitale e le iniziative realizzate in collaborazione con il Team digitale del Governo”.

LE INIZIATIVE DEL COMUNE  

Ad arricchire l’eccezionale palinsesto i tanti eventi organizzati direttamente dal Comune di Milano, grazie al coordinamento dell’assessorato alla Trasformazione digitale e Servizi civici: si comincia giovedì 15 marzo alle 10 nel quartier generale di BASE, in via Bergognone 34, con l’appuntamento internazionale “Digital Bridge”, un’occasione per le città più tecnologiche e innovative del mondo per condividere buone pratiche e visioni nel campo della trasformazione digitale.

Il 15 e 16 marzo le sedi anagrafiche del Comune di Milano e alcuni uffici postali saranno i protagonisti di uno speciale “SPID Tour”: i cittadini avranno la possibilità di scoprire l’identità digitale unica che permette di accedere a moltissimi servizi della Pubblica Amministrazione in modo facile e gratuito.

 

Grande protagonista della Milano Digital Week sarà la Cittadella degli Archivi di via Gregorovius 15: in programma visite guidate per vedere in azione Eustorgio, robot di ultima generazione dotato di intelligenza artificiale, capace di estrarre in maniera automatica i faldoni presenti in una delle otto corsie d’acciaio che custodiscono i documenti dell’Amministrazione comunale. Il 18 marzo, invece, a partire dalle 18 speciale inaugurazione de #lacittachesale, l’opera al neon – progetto site specific realizzato dagli artisti Vedovamazzei per AEM a cura di Rossella Farinotti -, che verrà accesa e sarà installata permanentemente all’esterno della torre della Cittadella degli Archivi.

E ancora, “Il tram dell’innovazione”, a cura di Women&Tech in collaborazione con ATM: un tour di 45 minuti a bordo di un tram “Carrelli” del 1928 dove si alterneranno voci autorevoli per raccontare l’innovazione digitale nelle sue molteplici forme; l’incontro “Bilancio Partecipativo: si vota!”, promosso dall’Assessorato alla Partecipazione e Cittadinanza attiva; il corso specialistico in Digital Transformation per il terzo settore e “il web a portata di nonno”, a cura dell’assessorato alle Politiche Sociali.

COSA SUCCEDE IN CITTÀ

Quartier generale della manifestazione sarà lo spazio BASE di via Bergognone 34: al suo interno sarà allestita la mostra “Futuro Presente”, a cura di ArtsFor_, che racconterà la trasformazione digitale attraverso venti storie interpretate da fotografi di fama internazionale con oltre 300 fotografie. Inoltre gli appassionati di cinema potranno provare l’esperienza della prima sala di cinema 360° in Italia “Ultrareal world”, con una rassegna dedicata ai documentari in Virtual Reality.

A rispondere alla chiamata della Milano Digital Week anche le maggiori università e i centri di formazione del territorio tra cui IED – Istituto Europeo di Design, IULM – Libera università di lingue e comunicazione, NABA – Nuova accademia di belle arti, Politecnico di Milano, Scuola Politecnica di Design, Università degli Studi di Milano – Bicocca, Università Cattolica del Sacro Cuore, che apriranno le loro porte a studenti, giovani creativi, docenti, professionisti e non solo attraverso un programma di workshop, open lesson, conferenze, installazioni interattive e arte digitale.

Tanti anche gli incontri riservati all’educazione digitale, uno degli scopi principali della Milano Digital Week: EMIT Feltrinelli aprirà le sue porte a tutti i cittadini che vogliano affacciarsi al mondo della cittadinanza digitale attiva: si parlerà di privacy e dei servizi al cittadino messi a disposizione delle pubbliche amministrazioni e i partecipanti potranno imparare a usare in maniera sicura il proprio device.

Lo spazio WeMi delle Stelline offrirà agli anziani l’opportunità di ricevere consulenza gratuita sull’utilizzo dello smartphone per poter comunicare al meglio con parenti e amici, mentre nella sede di Assolombarda si terrà l’incontro di presentazione di “ABCDigital”, il programma di alfabetizzazione e diffusione della cultura digitale tra i cittadini over 60 attraverso il coinvolgimento dei giovani e la valorizzazione delle loro attitudini digitali.

Molti anche gli eventi dedicati all’incontro tra arti e mondo digital, dalla musica alla fotografia, dal design all’arte fino all’architettura. Sarà presente anche Digital Design Days, l’evento internazionale dedicato al design digitale, all’innovazione aperta, alle tecnologie d’avanguardia, alla creatività, che anticipa la sua terza edizione per proporre al pubblico della Milano Digital Week tre giorni di conferenze, workshop, installazioni e feste in compagnia delle migliori menti digitali al mondo.

Commenti FB
Articolo precedenteMilano, preso rapinatore seriale di farmacie
Articolo successivoLigabue sui social: “Mi fermo per un po” (Video)
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.