Dopo l’incontro-concerto inaugurale con Nada, entra nel vivo la seconda edizione della rassegna “Parole al vento”, ovvero canzoni fatte a mano raccontate dagli artisti, manifestazione ideata da Antonio Ribatti , animata dal giornalista e scrittore Jonathan Giustini e in programma fino al prossimo 18 maggio al Cineteatro Astrolabio di Villasanta (Mb): si tratta di un ciclo di appuntamenti nato per ripercorre alcune tappe fondamentali di personaggi che hanno saputo mescolare quotidianità e poesia, musica e sentimenti, con l’ambizione di mantenere fede a quella che è sempre stata la vera missione di ogni cantautore, ovvero raccontare la realtà.
La seconda data della rassegna, tra parole e musica, è fissata per venerdì 9 marzo (ore 21.30; ingresso 11-13 euro), quando sul palco del Cineteatro Astrolabio salirà Teresa De Sio con il progetto “Brigantessa”.

Il terzo appuntamento di “Parole al vento” è in programma venerdì 6 aprile, quando sarà la volta della cantautrice Cristina Donà in “Vent’anni di Tregua”.

Infine, per l’ultima data della rassegna, venerdì 18 maggio spazio a Patrizia Laquidara e al suo progetto intitolato “Funambola e altre storie”.

 

Commenti FB
Articolo precedenteElezioni, Majorino: peggior risultato della storia della sinistra, Renzi si dimetta
Articolo successivoSalvini: ascolto tutti ma no a governi minestrone
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.