SEXTO ‘NPLUGGED annunciati Mogwai e Interpol

345
Mogwai

Dopo il successo della scorsa edizione che ha visto esibirsi artisti internazionali come Air, Trentemøller e Mark Lanegan, il festival Sexto ‘Nplugged, che si tiene in estate a Sesto al Reghena, in provincia di Pordenone, annuncia la prima band: i Mogwai suoneranno il prossimo 9 luglio. “Questo è solo il primo annuncio di una rassegna musicale che infrangerà i record delle edizioni precedenti”, affermano gli organizzatori.
Ad aprire le danze nella cornice di Piazza Castello sarà il post rock scozzese della band nata a Glasgow nel 1995 e composta da Dominic Aitchison al basso, Stuart Braithwaite chitarre e voce, Martin Bulloch alla batteria e Barry Burns alle tastiere, computer e chitarra. I Mogwai sono definiti “i pionieri del post-rock” con ben 22 anni di carriera alle spalle e una produzione musicale di nove album in studio, tredici EP, due album di remix, due live album e quattro compilation.

Interpol

Oltre i Mogwai, arriva un altro big da oltreoceano ad arricchire la rosa artistica: gli Interpol. Il 26 giugno la band statunitense si esibirà per la prima volta al Sexto ‘Nplugged – e come UNICA DATA IN ITALIA.

“Sexto ‘Nplugged non si ferma – dichiarano gli organizzatori – Siamo solo all’inizio. Questa tredicesima edizione non avrà precedenti. Siamo orgogliosi di essere stati scelti come unico palco italiano per gli Interpol, è indice della serietà del nostro operato e della qualità delle proposte artistiche portate a Sesto in tutti questi anni. Vi emozioneremo come mai prima d’ora”.

Sexto ‘Nplugged è un festival che miscela sperimentazione e ricerca stilistica all’interno di uno dei borghi più belli d’Italia. Nato nel 2006, si è distinto negli anni dagli altri festival musicali per le proposte ricercate e d’avanguardia – tra i quali Cranes, Nouvelle Vague, Einstürzende Neubauten, Belle And Sebastian – ma anche per la volontà di valorizzare il territorio e le sue eccellenze enogastronomiche, essendo inserito in un contesto di forte attrazione turistica.

Commenti FB
Articolo precedente“Greetings from Mars” al MAC di Lissone
Articolo successivoCamion in fiamme sulla Ovest, nessun ferito
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.