Ema, le foto del cantiere dove dovrebbe sorgere la nuova sede

411

“In questo momento siamo in visita alla nuova sede dell’EMA ad Amsterdam. Guardate le fotografie. Una ruspa, area vuota, macerie. Qui dovrebbe sorgere nel novembre 2019 la nuova sede, nel frattempo l’agenzia occuperà una sede provvisoria che non ha i requisiti richiesti (metà delle esigenze di spazio in termini di metratura e ha altre anomalie come la condivisione del parcheggio con nientemeno che un albergo). Garantire la continuità delle attività dell’agenzia era un requisito fondamentale per la valutazione delle proposte, e in tal senso Milano aveva una sede già pronta con una proposta eccellente, ma il governo italiano non è stato in grado di portare a casa il risultato”. Così in una nota Piernicola Pedicini, eurodeputato M5S, in questo momento in visita con il Parlamento europeo in Olanda.

Le foto dell’area di Amsterdam dove dovrebbe sorgere la nuova sede di Ema. Le foto sono state scattate e diffuse dall’europarlamentare M5S Piernicola Pedicini

 

Una delle foto sull’area olandese pubblicate sul sito http://www.efdd-m5seuropa.com/
Commenti FB
Articolo precedentePartorisce in casa, bambina in arresto cardiaco salvata dalla vicina
Articolo successivoAlpini, costituito il comitato organizzatore della 92esima adunata
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.