MYLES KENNEDY da solista: disco, data italiana e il ricordo dei Led Zeppelin

1434

MYLES KENNEDY (ALTER BRIDGE, SLASH feat. MYLES KENNEDY & THE CONSPIRATORS, THE MAYFIELD FOUR) ha annunciato lo scorso Dicembre l’uscita del suo primo album da solista “Year Of The Tiger” (Napalm Records) e lancia in questi giorni anche il suo prossimo tour “da cantastorie”, che da oggi prevede anche un’unica tappa italiana, in cui Myles proporrà in acustico i nuovi brani offrendo anche una carrellata retrospettiva e rivisitata della sua intera carriera…

Ecco i dettagli:

MYLES KENNEDY – Storyteller Solo Tour 2018

Mercoledì 4 APRILE @ Magazzini Generali – MILANO

Apertura porte: ore 19.00

Inizio concerti: ore 21.00

Prezzo del biglietto in prevendita: €25,00+d.p.

Prezzo del biglietto in cassa la sera dello show: €30,00

Biglietti in prevendita su Ticketone dalle ore 10:00 del 31 Gennaio 2018.

“Quest’avventura solista è un’idea che mi frulla in testa da parecchio tempo”, spiega Kennedy, “ringrazio dal profondo del cuore l’etichetta austriaca Napalm per avermi offerto la possibilità di sfogare le mie velleità artistiche più intime e personali da cantautore. Un’avventura molto stimolante per me a questo punto della mia carriera, che mi da modo di sviluppare influenze artistiche finora rimaste inesplorate nella mia musica”.

L’uscita del debutto solista di Myles è prevista per il 9 Marzo 2018. Questa sua prima avventura in solitaria avrà un approccio per lo più acustico e blues e il cantante la descrive come un concept molto sentito: “È la prima volta che mi cimento in un vero e proprio concept album, un canvas di profonde emozioni soltanto mie, da condividere con voi, attraverso una storia narrata dall’inizio alla fine, in musica: la prematura scomparsa di mio padre, la vita che è cambiata improvvisamente per mia madre, mio fratello e me quando ero solo un bambino… un’esperienza terapeutica, non solo in senso artistico”. Accanto all’amata chitarra, ha voluto accompagnare la sua meravigliosa voce suonando anche lap steel, mandolino, banjo e basso sulle 12 nuove tracce: Niente muro di suono, questa volta a far rumore saranno le mie riflessioni e i miei pensieri!”.

Negli ultimi giorni è tornata alla ribalta anche una vecchia storia su Myles che ha rievocato in lui bei ricordi e che però, a quanto pare, preferirebbe di gran lunga tenere chiusa in cassaforte: “Sono passati 10 anni da quando mi ritrovai in uno studio con Jimmy Page, John Paul Jones e Jason Bonham… e ancora è sulla bocca di tutti! Pazzesco! Di sicuro fu una parentesi incredibile per me e non lo dimenticherò mai, anche se mi auguro vivamente che non saltino mai fuori registrazioni di quelle session. Non ero in forma, ero pronto a dare l’anima ma, di ritorno da un tour in Australia, avevo una maledetta bronchite e i risultati non furono proprio eclatanti… Suonammo insieme ‘Rain Song’, la mia canzone preferita dei Led Zeppelin e poi ‘Kashmir’ e ‘No Quarter’… L’intenzione di Page non è mai stata quella di trovare una nuova voce per i Led Zeppelin, si trattava di un nuovo progetto di cui facevano parte anche Chris Cornell e Steven Tyler… si parlava di un grande tour celebrativo con tanto di nuovo album, sarebbe stato sensazionale, di sicuro, ma poi la cosa non è andata in porto… sono treni che passano una sola volta nella vita e quello resterà un mio grande rimpiantocazzo, ero lì con i Led Zeppelin e non avevo voce! Io che vivo di fronte ad un microfono… a volte il destino è davvero crudele!”.

Per quanto riguarda gli Alter Bridge, i fans non devono affatto allarmarsi: hanno semplicemente deciso di prendersi una pausa di riposo nel corso del 2018 e ciascun membro della band è libero di dedicarsi ai propri progetti solisti, musicali e non.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.