È stato fermato e disarmato da una pattuglia dei Vigili di Quartiere, senza che nessuno si facesse male, un cittadino italiano in evidente stato di alterazione psicologica che questa mattina camminava in via Saponaro, zona sud Milano, brandendo un’ascia di ferro.

Gli agenti sono intervenuti dopo essere stati avvisati da una cittadina che aveva notato l’uomo che proveniva da via Costantino Baroni e lo hanno fermato pochi minuti dopo in via Saponaro.  L’uomo, M. C. di 60 anni conosciuto in zona con precedenti per reati contro il patrimonio, porto abusivo d’armi e resistenza a pubblico ufficiale, era in stato di alterazione psicologica e, al momento dell’arrivo della pattuglia, stava inveendo di fronte ad un bar. In un momento di distrazione, gli agenti sono riusciti a recuperate l’arma che era stata appoggiata al suolo e a fermare l’uomo che aveva con sé anche un coltello.

Prima di essere fermato, con l’ascia aveva colpito alcune colonne di portici in cemento poco distanti dalla sua abitazione. Dopo il fermo, l’uomo è stato condotto dalla Polizia Locale presso il pronto soccorso del San Paolo e sottoposto, secondo le indicazioni del medico, ad un Trattamento Sanitario obbligatorio.

Commenti FB
Articolo precedenteFine settimana di bel tempo in Lombardia, neve sulle zone alpine e prealpine
Articolo successivoGrasso, scelta di andare da soli voluta da base
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.