C’era una volta Roberto Maroni. Ops, non c’è più. Nel senso che non correrà alle prossime regionali. Però ci si può consolare, se si è fan del governatore attuale: lui aspirerebbe a fare il premier. Forse. Forse sì e forse no. Di certo oggi si è offerto, e ha offerto la sua esperienza. Chissà Salvini che cosa dirà. Probabilmente non sarà contento, considerato che ha già presentato il simbolo “Lega” e sotto “Salvini premier”. E non saranno contenti neppure gli assessori, che si aspettavano di essere trainati da Maroni. Poco male, c’è già il nome di Attilio Fontana, che per capirci è un ottimo amministratore, già sindaco per due mandati di Varese. Uno bravo, che non mette mai il muso e che sa giocare anche a muso duro. Uno tosto. Uno che se la giocherà con Giorgio Gori e Dario Violi in quelle che ci si aspettava che fossero le regionali più noiose del pianeta Terra, e che invece potrebbero dare qualche soddisfazione. Vedremo. A proposito di Gori: viene il dubbio che lui, di Maroni, lo sapesse da quando si è candidato? E’ un aruspice? E’ un indovino? O forse è un politico decisamente più fino di come alcuni l’hanno dipinto?

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.