C’era una volta il programma. Ora, non è per dire, ma possibile mai che tutti quanti stanno sempre a stracciarsi le vesti sul programma, prima delle elezioni, e poi alla fine tutto si riduce a una questione di persone e di promesse? Ovvero, di quanto più distante da una discussione pacata e intelligente sulle cose dentro le cose perché le cose migliorino? Non sono uno di quelli che dice: il programma prima di tutto. Perché ovviamente le persone contano più del programma. Se uno ha un bel programma, ma poi un governatore che non è capace, il programma rimane lettera morta. E se uno non ha visione, e non è capace di promettere, non verrà eletto e il suo bel programma può metterselo nel cassetto. Però però, da lombardo, rilevo che, nell’ordine:
A) La campagna elettorale è iniziata solo quando c’è stata la decisione di un singolo, Roberto Maroni, di non ricandidarsi.
B) Stiamo tutti a parlare di un altro singolo, ovvero lo stimabilissimo Attilio Fontana, come sostituto. Di quel che pensa il sostituto, poco rileva.
C) L’intero dibattito non ha mai toccato neanche lontanamente i punti fondamentali di quello che dovrebbe interessarci.
Suggerisco qualche esempio agli ascoltatori:
1) Più infrastrutture in Lombardia o meno? Più autostrade o meno? Quanti soldi mettiamo sulle ferrovie? Se li mettiamo sulle ferrovie, a che cosa li leviamo?
2) Riforma della sanità. Chi sa che cosa prevede? E chi lo sa, come si esprime: giusta o sbagliata la riforma di Maroni?
3) Case popolari. Tutti si lamentano dei quartieri periferici. Ma poi alla fine come si riforma l’ambito delle case popolari? Siamo pronti a buttarci dentro una quota fissa del bilancio regionale? E a che cosa leviamo quei soldi?

Ecco, basterebbe partire da questo.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.