C’era una volta il Natale.
Quello bello, con la neve, le fiabe e babbo natale.
C’era una volta la politica, quella bella, con le fiabe e babbo natale.
C’era una volta l’economica, quella bella, con le fiabe e babbo natale e qualche stock option.
C’erano una volta le banche, quelle belle, con i derivati, i debiti e il credito a consumo.
C’era una volta l’urbanistica, quella bella, con le palazzine, i palazzinari e i froci con il culo degli altri e quel gran geniaccio di Ricucci.
C’era una volta lo sport, quello bello, con Vieri e le veline e i mondiali e il calciomercato e il Milan che vinceva gli scudetti e l’Inter che invece schiumava.
C’era una volta l’anno nuovo, che come diceva Leopardi, sarà sicuramente meglio di quello vecchio, salvo che poi è sempre la stessa roba.
C’era una volta l’editoria, piena di soldi pubblici.
C’era una volta che andava meglio quando andava peggio.
C’era una volta Pinocchio, la rubrica di Affaritaliani.it Milano e Radio Lombardia.
Toh, non c’è più perché ce ne stiamo per andare in vacanza fino a gennaio.
Ma poi torniamo, eh.
Torniamo perché mica si può andare a raccontare fiabe, favole e cavolate senza che noi diciamo la nostra.

Buon Natale.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.