Era il 12 dicembre del 1969 quando alle 16,37 scoppiò una bomba nella Banca Nazionale dell’Agricoltura in Piazza Fontana a Milano. L’esplosione provocò 17 morti e oltre 80 feriti.

Oggi, nel giorno del 48esimo anniversario, Milano ha ricordato la strage con il tradizionale corteo e la posa delle corone organizzata dall’associazione dei familiari delle vittime e dal Comitato permanente antifascista contro il terrorismo per la difesa dell’ordine pubblico.”A Milano e nel Paese c’è un pericoloso ritorno delle frange estreme di destra – ha detto Carlo Arnoldi, presidente della associazione familiari vittime della strage di Piazza Fontana, dopo aver ricordato la matrice fascista dell’attentato -. Milano e l’Italia devono gridare con forza perché la storia non si ripeta più”. Alla cerimonia era presente anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala. Per la Regione Lombardia era presente il sottosegretario Gustavo Cioppa:” Gli stragisti vili ed infami volevano colpire: l’ordinato svolgersi della quotidiana laboriosita’, produttrice di benessere, che ha come fonti primarie la democrazia e la liberta’. I milanesi, i lombardi sanno riconoscere i nemici di questi valori assoluti e sanno sconfiggerli, sanno vincerli con il loro sacrificio, la loro alta dignita’, il loro generoso senso del bene comune. Ma Milano, proprio per questo, non dimentica, non puo’ dimenticare”.

Commenti FB
Articolo precedenteScoperto un arsenale di armi clandestine in un box
Articolo successivoMaltempo, altre piogge poi torna il freddo
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.