“Con un investimento di oltre 7 milioni di euro Regione Lombardia dimostra, ancora una volta, il suo impegno per la valorizzazione della sanita’ di montagna. L’inaugurazione del Presidio ospedaliero territoriale va a rafforzare la vocazione di questo ospedale e a dare una risposta concreta ai bisogni dei cittadini di questo territorio che sono quelli dei pazienti fragili”. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in occasione dell’inaugurazione del Pot dell’ospedale Morelli di Morbegno, al quale era presente anche il
sottosegretario alle Politiche per la Montana Ugo Parolo.

“Questo e’ un presidio in cui crediamo tantissimo – ha sottolineato l’assessore – lo dimostrano gli investimenti per la sua ristrutturazione e per l’acquisto di macchinari tecnologicamente innovativi sia per il punto di primo intervento, che per l’attivita’ ambulatoriale, attraverso la dotazione di una nuova Tac”.

“Attraverso un incentivo economico di 5 mila euro per tre anni, predisposto ad hoc per attrarre l’arrivo di medici nei territori di montagna – ha aggiunto – siamo riusciti ad assumere per Morbegno 4 dirigenti medici e 1 infermiera”.

 

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteC’era una volta l’Italia.
Articolo successivoIn uscita SIA con “Everyday is Christmas”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati