Esce “L’Ostaria delle dame” di Francesco Guccini

850

Il 3 novembre uscirà “L’OSTARIA DELLE DAME”, un progetto discografico che nasce dal ritrovamento dei nastri di 3 concerti acustici inediti di FRANCESCO GUCCINI, registrati nei primi anni ’80 all’Osteria delle Dame di Bologna, il locale fondato dal cantautore assieme a Padre Michele Casali nel 1970.

Saranno disponibili due versioni: un cofanetto deluxe che conterrà in 6 cd le registrazioni integrali (compresi gli interventi parlati tra un brano e l’altro!) dei 3 concerti (del 1982, 1984 e 1985) e un libro di 80 pagine con foto, testimonianze dei protagonisti dell’epoca, la storia dell’osteria e un’introduzione di Francesco Guccini, e un’edizione in 2 cd con una selezione dai tre concerti e il booklet. Questa seconda versione sarà disponibile anche sulle principali piattaforme streaming e in digital download negli store digitali.

Questo progetto discografico rappresenta un tassello della storia del cantautore che si aggiunge alla geografia gucciniana della Bologna degli anni ’70 e ’80, una serie di brani da ascoltare tutto d’un fiato per essere catapultati in quel momento storico, narrato dalla voce di Francesco Guccini accompagnata dalla chitarra di Juan “Flaco” Biondini.
Il trasferimento diretto dai nastri magnetici ha, infatti, mantenuto inalterata l’atmosfera dei concerti, che si svolgevano in modo del tutto informale in un ambiente goliardico e creativo tra le risate e gli applausi del pubblico e degli stessi protagonisti. Così gli ascoltatori potranno rivivere quell’irripetibile momento in modo genuino, grazie a parole e musica.
Il locale bolognese che fa da scenografia ai concerti, l’Osteria delle Dame, è chiuso dal 1985 ma riaprirà al pubblico dopo 32 anni a partire dal 14 novembre, grazie all’opera di recupero di Andrea Bolognini che ha voluto creare un circolo, una casa della canzone d’autore, nel mitico n°2 di Vicolo della Dame.

Di seguito la tracklist dei 6 cd del cofanetto deluxe:
Concerto del 23.01.1982
CD1: Intro, Canzone per un’amica, Intro, Canzone quasi d’amore, Intro, Osteria dei Poeti, Intro, Ti ricordi quei giorni, Intro, 100, Pennsylvania Ave., Intro, Incontro, Intro, Bologna, Intro e Gulliver.
CD2: Bisanzio, Intro, Jacinto Chiclana, Intro, I fichi, Intro, Venezia, Intro, Canzone di notte n.2, Intro e Un altro giorno è andato.

Concerto del 14.01.1984
CD1: Intro, Canzone per un’amica, Intro, Autogrill, Intro, Argentina, Intro, Canzone delle osterie di fuori porta, Intro, Bologna, Venezia, Intro, Jacinto Chiclana, Intro e Auschwitz.
CD2: Intro, Il treno va, Canzone di notte, Bisanzio, Intro, Inutile, Intro, Canzone dei 12 mesi, Intro, Gli amici, Intro, Incontro e Il treno va (Bis).

Concerto del 19.01.1985
CD1: Scirocco, Intro, Canzone per un’amica, Intro, Autogrill, Intro, Auschwitz, Intro, Argentina, Intro, Il vecchio e il bambino e Bisanzio.
CD2: Intro, A Don Nicanor Paredes, Intro, Il pensionato, Intro, I Fichi, Intro, Signora Bovary, Bologna, Venezia, Intro, Chacarera del 55, Intro, Yo quiero un caballo negro, Canzone quasi d’amore, Intro, Un altro giorno è andato e Ringraziamenti.

Il 6 novembre Francesco Guccini presenterà “L’Ostaria delle Dame” e incontrerà i fan a La Feltrinelli di Milano (Piazza Piemonte – ore 18.30).

Commenti FB
Articolo precedenteMetropolitana, tornelli chiusi in 105 stazioni su 113
Articolo successivoMilano, ecco la Digital Week
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.