C’era una volta lo smog. Oh, toh, c’è ancora. E c’era l’anno scorso e l’anno prima. In effetti, negli anni di Pisapia, ce ne è stato di meno. E allora tutti subito a esultare e a saltare di gioia! Ecco, grazie alle nuove politiche per la mobilità e tutto il resto, abbiamo debellato la piaga dell’inquinamento. E pensate un po’, mi vien da dire, senza neppure tirare giù il Turchino, come si diceva anni e anni fa in tv, per sconfiggere nebbia e polveri sottili. E invece? Invece no. Lo smog c’è, il blocco dei mezzi inquinanti pure. Il mitico o mitologico referendum nel quale i milanesi chiesero misure per garantire la qualità dell’aria si è tradotto in Area C, che sull’inquinamento non ha impatto. Il blocco dei veicoli? Sull’inquinamento non ha impatto. La verità è che dovremmo investire sull’auto elettrica, massicciamente. Ma chi si arrischia a spendere cinque volte tanto se pure quelle gpl, dopo aver fatto spendere i soldi ai cittadini che pensavano di circolare, ora devono pagare Area C? Insomma, la politica contro l’inquinamento ha dei costi. E questi costi deve pagarli la collettività, non il singolo. E poi un messaggio a Pisapia, che faceva tanto il fenomeno: ha avuto culo. L’inquinamento nei suoi anni era di meno. Sapete perché? Perché pioveva.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.