C’era una volta la signora che mi ha scritto una lettera, domenica. Beh, a dirla tutta c’è ancora. So che l’argomento non sembra grande, tra le decine di morti di Las Vegas e tutto il resto. Tuttavia è molto vicino a noi ed è molto sentito da tante persone. Quindi, procedo con la sintesi della lettera. La signora mi scrive: “Caro Pinocchio, vorrei che raccontassi la mia storia alla radio. Sono consapevole che non è un grande problema, ma secondo me riguarda molte persone”. E ora vediamo qual è il problema: “L’altro giorno stavo andando in farmacia con l’utilitaria, praticamente nuova, che uso pochissimo. In una strada non trafficata del Comune di Casarile, in provincia di Milano, mi hanno fermato i vigili urbani. Gli agenti hanno spalettato e mi sono ovviamente fermata. Ho favorito patente e libretto, come richiesto. Ovviamente tutto regolare. La macchina è praticamente nuova, quindi nessun problema. I due agenti hanno anche controllato che avessi pagato l’assicurazione, tramite la targa. Anche qui, ovviamente tutto pagato. Il problema è che avevo letto che l’assicurazione non bisogna più esporla con il tagliandino in alto a destra, nel vetro. E quindi io l’ho levata dall’automobile, pensando che forse era meglio tenere a casa il tutto, visto che se ti rubano la macchina ogni volta è un casino dover rifare tutti i documenti. Beh, ho scoperto, grazie ai due zelanti agenti, che non è così. I due mi hanno fatto una multa perché mi mancava la copia dell’assicurazione che comunque i due zelanti agenti avevano già verificato che avevo pagato”. Non procedo oltre con la lettera. Però ho qualche domanda. La prima: ma se si può controllare il pagamento dell’assicurazione direttamente dalla targa, perché mai obbligare qualcuno a portarsi dietro i certificati? E’ l’ennesimo esempio di uno Stato che vuole creare confusione e vessare i cittadini. La seconda: ma i due zelanti agenti, che giustamente hanno fatto la multa (che la signora mi ha confermato di aver pagato), non avevano niente di meglio da fare – magari controllare chi corre sulla statale là vicino, o vedere che nei parchetti fosse tutto a posto – piuttosto che multare un ignaro e onesto cittadino? Chissà che cosa ne pensa il sindaco di Casarile, Antonio Civardi, che fa il tassista e che è passato agli onori delle cronache perché ha levato un “rosso stop” poiché “capisce gli automobilisti”. Ecco, sembrerebbe che si può passare con il rosso, ma bisogna avere tutti i documenti a posto. E’ questa la lezione che vogliamo dare alle persone oneste?

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.