Scontri e tensione in Catalogna nel giorno del referendum

1116

A Barcellona è in Catalogna la tensione è alle stelle nel giorno del referendum – illegale – per l’indipendenza. La polizia nazionale è la Guardia Civil cercano di bloccare le operazioni di voto esistenti sono già verificati scontri e cariche, con diversi feriti. La polizia autonómica catalana, I Mossos de Esquadra, non interviene. Il presidente catalano, Carles Puigdemont ha votato in un altro collegio rispetto al suo, dove sono intervenuti gli agenti della Guardia Civil sequestrando tutto il materiale elettorale. Il Govern della Catalogna ha dichiarato questa mattina all’alba il censo universale per permettere ai chi vuole votare di farlo ovunque. Nonostante l’uso della forza, in molti centri scolastici ci sono centinaia di persone in fila. Sarà una giornata difficile a Barcellona e in tutta la Spagna, alle prese con la sfida più dura per la democrazia nella penisola iberica. Il governo catalano potrebbe proclamare successivamente l’indipendenza, aprendo una fase inedita nella storia europea.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.